Roberto Giacchino

0
15
Roberto Giacchino

Roberto Giacchino nasce nel 1954 a Filaga, piccolo borgo sui monti

Roberto Giacchino e il pittore Pippo Forte
Il colonnello Solazzo premia Roberto Giacchino

Sicani, da una famiglia di artigiani, contadini e falegnami quest’appartenenza ha probabilmente innescato nell’artista una particolare passione per la scultura su legno. Il nonno, Giuseppe Pullara, non soltanto costruiva mobili, ma li rendeva un vero articolo da collezione,decorandoli con cornici e rifiniture rigorosamente a mano. La passione del nonno si è trasferita al nipote che, a soli 9 anni, insieme al fratello maggiore Enrico, ha cominciato a intagliare il legno allo scopo di creare giocattoli, in un’epoca in cui la spensieratezza portava i ragazzini a inventare qualsiasi cosa per divertirsi. Vista la bravura nel creare un semplice aeroplanino, Roberto comincia a scolpire volti di persone del suo ambiente, “volti – come ha descritto Nico Marino in occasione della prima mostra personale a Cefalù – segnati dalla saggezza, dall’amore, dalla fatica, talvolta dal dolore ed essi si animano della vita che dà loro la memoria, la nostalgia”.

Nel corso degli anni, ciò che è nato per semplice gioco, ben presto è diventato una via di fuga da una vita troppo frenetica che non lascia neppure il tempo di ammirare le cose belle e semplici. Ancora oggi la maggioranza delle opere raffigura quei volti del passato, segnati dalla stanchezza di una vita trascorsa a compiere sacrifici.

Per diversi anni questa passione è rimasta chiusa in un cassetto, mentre il lavoro portava Roberto a trascorrere lunghi periodi in città d’arte come Torino, Roma, i paesi della Valgardena e, per ultima, Firenze, dove il nostro artista ha potuto osservare e apprendere le tecniche degli artisti di strada che popolavano Ponte Vecchio, cercando di far tesoro di tutto ciò che vedeva e delle sensazioni che questi luoghi gli lasciavano nel cuore. Tornato nell’isola della speranza, la Sicilia, la sua passione è riesplosa in un turbinio di emozioni portate dal bagaglio culturale che lo aveva accompagnato durante i suoi spostamenti. Trasferitosi a Palermo nel Giugno 1979, ha continuato ad osservare con gli occhi dell’artista, la maestosità delle opere che questo luogo può regalare, come ad esempio quelle dei celebri scultori Antonello Gagini e Giacomo Serpotta. Incoraggiato dalla moglie Maria e dai figli Davide e Tiziana, non ha più smesso di dar vita ai suoi pensieri e alle emozioni che hanno sempre accompagnato quest’uomo di umili origini.

La scultura su legno è la sua principale passione, seguita da quella su pietra, tufo, pomice e di rado dalla pittura ad olio.

Nico Marino una volta lo paragonò al celebre dott. Jekyll e Mr Hyde: da un lato il perfetto carabiniere, fedele all’Arma e alla sua professionalità, dall’altro lo scultore rapito dalla passione per la sua arte che ama profondamente. Ancora oggi, dopo cinquant’anni continua con grande fantasia e bravura a far rivivere in quegli apparenti inanimati pezzi di legno e pietra la sua storia, i volti del suo passato.

Come egli stesso afferma: “Guardando un tronco vedo già ciò che io libero dai pezzi superflui”. Nel suo piccolo “atelier” passa ore ed ore immerso nella creatività, dando sfogo al suo talento. Nato come un gioco, diventata poi passione, la scultura sarà sempre viva in un uomo di così tanta immaginazione.

Istruzione e formazione

Diploma di Geometra (Istituto Tecnico per Geometri), conseguito Palermo.

Dottore in Scienze dell’Amministrazione – Curriculum Operatore Giudiziario, laurea conseguita presso l’Università degli Studi di Siena con 110/110.

Esperienze professionali

Grado: Luogotenente nell’Arma dei Carabinieri;

Arruolatosi nell’Arma dei Carabinieri l’11 gennaio 1975, come Carabiniere;

Ha frequentato il 36° Corso Allievi Carabinieri in Sardegna;

Ha partecipato al Concorso Allievi Sottufficiali dell’Arma dei Carabinieri, risultando vincitore del 30° Corso;

Ha frequentato il 30° corso biennale Allievi sottufficiali Carabinieri 1977/1979, conseguendo il grado di vice Brigadiere;

Ha prestato servizio presso la Legione di Torino dal 1975 al 1977 con il grado di Carabiniere;

ha prestato servizio presso il Nucleo Radiomobile di Palermo dal 1979/1980;

ha prestato servizio come sottordine presso la Stazione Carabinieri di Palermo Falde 1980;

ha prestato servizio come sottordine presso la Stazione Carabinieri di Favignana (TP) 1980/1981;

Comandante della Squadra di Polizia Giudiziaria dei Carabinieri di Caccamo (PA) 1981(1982;

Ha Comandato la Stazione Carabinieri di Alimena (PA) dal 13-10-1982 al 27-9-1995;

Ha Comandato la Stazione Carabinieri di Camporeale (PA) dal 1995 al 1998;

Addetto al Nucleo Operativo e Radiomobile, Aliquota Operativa dal 06 agosto 1998;

Comandante della Stazione Carabinieri di Cefalù (PA) dal gennaio del 2000, sino al 2 ottobre 2014;

Insignito

Croce d’argento per anzianità di servizio;

Croce d’oro per anzianità di servizio, concessagli il 4 febbraio 2002;

Decorato di medaglia militare di bronzo per lungo comando di Reparto, concessagli dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri in data 27 marzo 1992;

Decorato della medaglia Militare D’ORO per lungo comando di Reparto, 19 marzo 2008;

Distintivo “Granata in ORO” per oltre venti anni di comando di Stazione Carabinieri;

Diploma di benemerenza con medaglia rilasciato dal commissario straordinario del governo per il friuli, per soccorso alla popolazione del friuli in occasione del terremoto del 1976;

Titolare di Encomio Solenne concessogli dal Comando Legione Carabinieri di Palermo in data 06 settembre 1980;

Nastrino d’Oro per lungo Comando di Stazione;

Cittadino Onorario del comune di Alimena.

Esperienze artistiche

E’ un noto ed apprezzato Scultore su legno e pietra, in modo particolare di soggetti sacri ( Cristo in Croce; San Giorgio Protettore di Prizzi etc)

Pittore – olio su tela; restauratore di mobili ed opere d’arti; si cimenta nella poesia e nella narrativa.

Mostre

Ottobre 2005 – mostra collettiva di pittura e scultura presso l’Ottagono Santa Caterina, Piazza Duomo di Cefalù;

DAL 15 AL 28 luglio 2006 – mostra collettiva di pittura e scultura presso il Caffè Letterario “ LA GALLERIA” di Cefalù, via Mandralisca;

dal 26 al 31 Agosto 2006, mostra personale di scultura presso l’Ottagono Santa Caterina, Piazza Duomo di Cefalù, tal titolo “Radici tra le Pietre”;

gennaio 2007 Mostra collettiva di pittura e scultura a Palermo, presso la Villa Niscemi;

dal 9 all’11 Agosto 2010, mostra di scultura presso il palazzo del barone del comune di Sinagra (ME), in occasione della 7^ edizione “DELLE VIE DELL’ARTE”;

Mostra collettiva di arte contemporanea presso la Chiesa dell’Annunziata a Cefalù, dal titolo “La Primavera Incontra l’Arte” dal 27 marzo al 12 aprile 2015;

Mostra personale presso il Circolo dei Civili di Alimena;

Mostra collettiva presso il comune di Gangi

Mostra collettiva nel comune di Pollina anno 2018;

Mostra collettiva nel comune di San Mauro Castelvere anno 2018;

Direttore artistico del secondo Simposio di arte “ Cefalù Città Degli Artisti”;

Direttore artistico del terzo Simposio di arte “ Cefalù Città Degli Artisti”;

Direttore artistico del quarto Simposio di arte “ Cefalù Città Degli Artisti”;

Ideatore ed organizzatore del primo simposio di arte contemporanea dal titolo “Cefalù Città Degli Artisti” tenutosi a Cefalù dal 3 al 7 settembre 2014;

Presidente dell’associazione artistica e culturale “Cefalù Città Degli Artisti”;

Collaboratore volontario presso la Caritas Diocesana di Cefalù;

Componente di giurie per manifestazioni artistiche

Hanno scritto di lui

Giornale di Sicilia; La Sicilia, Espero, Cefalnews, Madonie Press; Quale Cefalù;

Giuseppe Maggiore – Regista e scrittore: Nico Marino – Storico; Michele Bellipanni – Giornalista; Giuseppe Forte- Pittore; Mario Macaluso – Giornalista; Rosalba Gallà – Docente; Mirella Mascellino – Giornalista; Sabrina Oliveri; Angelo Piscitello – Presidente Museo Mandralisca; Alvise Stracci – Sindaco di Alimena; Angelo Sciortino – Giornalista; Gianfranco D’Anna – Giornalista;

CONDIVIDI
Articolo precedenteFilippo Forgia
Articolo successivoAndrea di Napoli

LASCIA UN COMMENTO